Storie vecchie di scontrini

Dal Bicerin di Torino al negozio radical chic di Napoli il collegamento è uno: lo scontrino. Non ci stanno santi, nun t’o ffann’. Ti guardano sorridendo e poi urlano ‘RIVEDERCI e spariscono come il mago Silvan. Eh.

Pecché le tasse sono ruberie alle quali bisogna sottrarsi, altrimenti niente Rolex e scarpe Gucci.
E io pago, pure per loro.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...