La seconda lezione di Efraim

Chi ama ha il tempo come nemico, il pensiero come carnefice, il sangue come rivale. Chi ama non ha complici. Tutto in lui è ostacolo e intrigo. Vorrebbe mangiarsi il cuore perché sa che i cuori cambiano e ama l’amore che prova. L’amato dorme. Chi ama veglia. Non conosce riposo.

Efraim Medina ReyesTecniche di masturbazione fra Batman e Robin (Feltrinelli, 2004)

Annunci

5 pensieri su “La seconda lezione di Efraim

    1. Vero, però io penso che qui intendesse parlare del modo personale di vivere il sentimento. L’atto di amare in quanto tale convive con quello di osservare il proprio stesso amore. E in quello non si hanno complici, si è soli con se stessi. Cioè, io almeno ci ritrovo questo, che sento anche molto mio. 🙂

      Liked by 1 persona

  1. Sono sempre stata alla ricerca del cosiddetto “Principe Azzurro”. Desideravo tanto che qualcuno mi amasse e che mi accettasse per come sono. Gli anni passavano ed io vivevo le storie d’amore attraverso gli anime, i libri e i miei racconti. Mi sono presa diverse cotte lungo la strada, ma mai nessuno ricambiava i miei sentimenti. Finché un giorno, finalmente, conobbi il mio principe. Il nostro fidanzamento fu come la scena di un film: due persone che si incontrano sotto la pioggia per discutere e, alla fine, lui la bacia dichiarandole il suo amore. Ricordo che chiesi ad un’amica:
    “Ma sì è così stupidi quando si ama qualcuno?”
    “Sì, all’inizio sì.” Mi rispose. “Quando litigherete sarete messi alla prova, ma se vi amate davvero non avrete problemi.”
    Lui mi amava, molto più di quanto io amassi lui. L’amore che provava nei miei confronti, era così grande che finì per sentirmi soffocare. Sono sempre stata alla ricerca di questo sentimento e alla fine mi stava togliendo il respiro. Ci lasciammo.
    Ci sono voluti diversi anni, prima che potessi aprire il mio cuore a qualcun altro, soprattutto se questo qualcuno è una persona del tutto inaspettata. Dichiarare i propri sentimenti a chi si ama ed essere ricambiati è la cosa più bella del mondo. Nonostante ciò, non so ancora cosa vuol dire la parola “Amore.” Quello che so è che amore vuol dire anche sofferenza e che sono due facce della stessa medaglia. So che a volte la testa ti suggerisce una cosa, mentre il cuore un’altra. A chi dei due bisogna dare ascolto? Alla ragione o al sentimento? Ci sono così tante domande ed io ho così poche risposte. L’amore, per me, è ancora un mistero da scoprire.

    Mi piace

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...