I figli degli uomini – Una recensione

Sono passati poco più di dieci anni dalla data di uscita de I figli degli uomini, eppure guardandolo sembra sia stato girato fra l’oggi e il domani dell’Unione Europea.

Poveri immigrati. In fuga dalle peggiori atrocità, finalmente riescono ad arrivare in Inghilterra e il governo li caccia come se fossero scarafaggi.

Così dice Jasper (Michael Caine) a Theo (Clive Owen) mentre guida la macchina verso una delle poche oasi di pace rimaste nel loro mondo senza futuro.

Terre devastate dai ribelli, città dilaniate dai terroristi, uomo e bestiame ammassati e giustiziati indistintamente, e tutto perché? Perché nessuno è più capace di dare alla luce un bambino.

Le persone giovani sono specie protetta, sui parchi-gioco è sceso il silenzio, ovunque palpita disperazioneThe truth that truly shocks / is the empty page, come ha scritto Peter Gabriel. L’umanità non ha retto alle pagine bianche delle agende delle ostetriche e si è abortita da sé.

Eppure una soluzione esiste e si chiama Kee: quasi come una chiave; la chiave. Il suo viaggio è un crescendo di passione in tutti i sensi possibili del termine, per cui viene da dire solo grazie Alfonso Cuarón per non avere fatto sconti nell’adattare il libro di P. D. Jamesgrazie Emmanuel Lubezki per la materia di cui sono fatti i sogni possibili e reali del mondo che ritrai. E grazie lacrime, perché quando ci siete c’è vita, perché quando scorrete qualcosa ricomincia sempre. Anche da capo.

Voto: 9/10

Francesca Fichera

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...