Addio e grazie per il BOOMSTICK 2017

Giornate piovose, umidicce, piene di cose da fare per forza. Quelle che poi arriva il Boomstick e tutto va un po’ meglio.

Quest’anno il premio targato Book and Negative è piovuto in testa alla vostra cara Jasmine di quartiere per rimbalzare su alcuni dei vostri crani (i più fortunati, s’intende).

Ma che cos’è il Boomstick Award e quali sono le sue regole? 

Ve lo spiego riutilizzando in buona parte le parole del suo creatore.

È un premio destinato a sette blogger per far schiattare chi non ce l’ha ma anche per far conoscere blog fighi che altrimenti sparirebbero causa predominio di facebook e social network assortiti. E notate bene: non viene assegnato per meriti, ma per pretesti, contro le logiche dei premi stile “pacca sulla spalla fra blogger che si guardano tutto il santo giorno allo specchio”.

Richiede 4 semplici quanto inderogabili regole:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore

2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione

3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete

4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite

And my nominees are…

  1. Lo spettatore indisciplinato di Davide, perché è un compagno occhialuto che diffonde amore per il cinema, la scrittura e i gattini.
  2. Secondo Kara Lafayette di Silvia, perché il suo blog è una garanzia (cit.) e quest’anno merita una pioggia di Boomstick.
  3. Uno spettatore qualsiasi di Roberto, perché è un blogger/fenice che rinasce sempre dalle sue ceneri.
  4. Il giorno degli zombi di Lucia, perché piangiamo sugli stessi film ed è quasi riuscita a farmi stare simpatici gli squali. E poi scrive da dio.
  5. Il Bollalmanacco di Cinema di Erica, perché condividiamo l’aMMore per King come l’odio per Anderdedoum (giuro che la prima volta che l’ho letto sono andata a googlarlo così com’era).
  6. Bibolottymoments di Elena, perché quando ho bisogno di planare sulla terra senza sentirmi sola basta leggerla. E perché anche lei ama i gattini.
  7. Camera mia di Arianna, perché è una piccola bella scoperta recente e mi ricorda che non si finisce mai di imparare, anche da chi è più piccolo d’età.

 

A questo punto non mi resta che salutarvi così.

 

 

Annunci

5 pensieri su “Addio e grazie per il BOOMSTICK 2017

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...