I segreti di Wind River (Taylor Sheridan, 2017)

Wind River – Una recensione

CineFatti

I segreti di Wind River nascosti sotto i ghiacci.

Chi ha detto che I segreti di Wind River sono il nuovo Silenzio degli innocenti forse pensava di fare un favore al pubblico convincendolo ad accogliere l’esordio registico di Taylor Sheridan per vie traverse.

Il problema è che di queste vie l’eccellente thriller dello sceneggiatore di Hell or High WaterSicario non aveva (e non ha) alcun bisogno: va gustato e pregustato per ciò che, che possiede, che porta dentro.

Bianco come il latte, rosso come il sangue

Fin dai suoi primi istanti Wind River ha i toni di un incubo troppo atroce per terminare in fretta. Fra sussurri e grida in-segue un’inseguita, anonima come il suo terrore, che corre guardandosi alle spalle nell’inimmaginabile gelo di una notte del Wyoming.

A ritrovarla, chiazza rossa di morte sul candore della neve sotto il sole, è Cory Lambert (Jeremy…

View original post 370 altre parole

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.