Buio in sala – parte II

Come promesso, la strana storia di Cosimo continua. QUI potete cominciare o riprendere il discorso. Se vi piace.


Verrà qualcuno? si domanda, e aguzza la vista sul quadrante graffiato dell’orologio da polso. La luce irregolare della proiezione fa brillare per un istante le due piccole lancette, che gli confermano cinque minuti all’inizio dello spettacolo. Cinque lunghissimi minuti di sudore ghiaccio.

Nella penombra della sala ogni rumore diventa boato: porte che si aprono, gole che tossiscono, il gracchiare delle confezioni di snack e patatine strette da mani sconosciute. Ma ad allarmare Cosimo più di tutto il resto sono i tonfi in direzione dell’ingresso. Qualcuno che potrebbe avere prenotato il posto 9 della fila C o, peggio, D: la fila dietro. Guardare un film guardato a propria volta, con occhi ignoti incollati alla sua schiena, è una cosa che non potrebbe mai accettare, che gli ha sempre messo i brividi. Così ricomincia a lanciare occhiate ovunque come una spia in tempi di guerra, pronto a raccogliere anche la minima variazione nello scalpiccio sulla moquette, a costo di trasformare i cinque minuti di vuoto in una frenesia stracolma.

Sul fondo del suo delirio ci sono i titoli di testa e un’altra tregua dal sudore, che ormai non è nemmeno più un problema. Nessuno dei passi ovattati sulle scale rivestite è diventato un nuovo ospite sgradito da tenere a distanza fra le poltrone di velluto. Nel buio Cosimo sorride un po’, raddrizzando sé stesso e la montatura degli occhiali, e si prepara a immergersi nella visione felicemente quasi solo.

Ma qualcosa, qualcuno, c’è.

Buio in sala - Finestra di Hopper

È una scossa nella momentanea tabula rasa della mente di Cosimo, che ha già spento ogni altra parte del corpo ad eccezione dei suoi occhi. Ne vede altri in fondo alla sala, là dove di solito l’unico disturbo lo dà la luce fioca dei cartelli per l’uscita d’emergenza.

Anche quegli occhi biancheggiano, incastonati nel buio.

Il cuore di Cosimo scatta come un gatto spaventato che risale in tutta fretta la grondaia. D’improvviso nel cinema a mancare, oltre alla luce, è anche l’aria. Dita tremolanti afferrano gli occhiali e li sfilano mentre le palpebre si chiudono e richiudono come al risveglio da un sonno bruto.

Cosimo torna a scrutare nel buio, rimette gli occhiali, scruta ancora, non distingue niente. A parte l’insegna biancoverde sulla porta a spinta.

Paura chiama paura, pensa. Come quando sogni un ragno e al tuo risveglio finisci per vederlo ma non sai se è vero. Ha l’aria improvvisamente stanca e affaticata, respira affannando e due piccole dita immaginarie gli stringono la gola fino a farlo tossire.


la terza parte mercoledì 25 luglio


Francesca Fichera

Annunci

5 pensieri su “Buio in sala – parte II

  1. per ora non vado a leggere la prima parte, nè leggerei la terza fosse già disponibile. Avrò tempo per questo, adesso preferisco seguire una mia idea bislacca senza il rischio (la certezza) di venir smentito dalle tue parole. Cosimo per me non è uno spettatore qualunque ma l’autore, poco collaudato, di un corto che verrà proiettato prima del film in programmazione. Palpita e freme tra il desiderio di una sala colma e la convinzione che ogni spettatore in più sia un giudice inflessibile che condannerà la sua opera. Vorrebbe essere il solo presente, poter guardare lo schermo con occhi estranei e con quelli assolversi, approvarsi, complimentarsi, anzichè sottoporsi a questo giudizio di dio dove ogni sguardo è un tizzone acceso da affrontare a piedi scalzi.
    ml

    Mi piace

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.